mercoledì 7 settembre 2011

Torta di gerbere per il compleanno di Marta


E questa foto, da dove sbuca fuori?
L'avevo quasi dimenticata questa tortina qui.
Eppure l'ho tanto amata.
L'ho disegnata e immaginata per lei.
L'ho realizzata con i colori che amo di più.
Ho posizionato quelle gerbere mille e più volte, cercando di essere precisa, di rispettare la simmetria, perché la simmetria, si sa, è la mia ossessione.
E poi... dopo una notte intera passata a chiedermi se fosse abbastanza bella, le ho piazzato sopra una candela tutta rosa, l'ho messa davanti a mia figlia e l'ho guardata mentre veniva fatta a pezzi, felice che tutta quella simmetria andasse a farsi benedire.



Per la torta:
300 gr cioccolato fondente
500 gr burro
800 gr zucchero 
500 ml latte intero
200 gr farina autolievitante 
200 gr cacao in polvere
200 gr farina 00
4 uova 


Sciogliere sul fuoco il burro e il cioccolato fondente insieme allo zucchero e al latte, senza fare arrivare il composto al bollore. 
Fare freddare, poi versare nella planetaria con la frusta k e aggiungere le farine ed il cacao setacciati insieme. Unire anche le uova e mescolare bene. Spennellare le teglie con burro fuso, rivestire con la carta forno tagliata su misura e spennellare nuovamente con burro fuso. Versare l'impasto nelle tortiere e infornare a 160° per 60-90 minuti, a seconda della dimensione delle teglie.


Per la ganache al cioccolato fondente (preparare il giorno prima e farla riposare una notte in frigo):
600 gr cioccolato fondente
500 gr panna fresca liquida

Sciogliere il cioccolato fondente sul fuoco o nel microonde, avendo cura di mescolarlo spesso. Unire la panna e miscelare bene. Coprire con pellicola a contatto, fare freddare la ganache e conservare in frigo.


Quando le torte si saranno raffreddate, sformarle, tagliarle in due e farcirle con la ganache al cioccolato. Poggiare la torta piccola su quella più grande, avendo cura di centrarla bene, e ricoprirle interamente di ganache al cioccolato, aiutandosi con una spatola. Ricoprire con la pasta di zucchero e decorare a piacere.


Per la pasta di zucchero (io solitamente uso quella della Rossanina, questa qui, eventualmente addizionandola con un pizzico di gomma adragante, per renderla più plastica, ma in questo caso non ne ho avuto bisogno):

60 ml acqua 
10 gr gelatina in polvere o in fogli
100 gr glucosio
gr 900 zucchero a velo
eventuale colorante a scelta
amido di mais per stendere la pasta


Reidratare la gelatina nell'acqua. A fuoco dolcissimo farla sciogliere insieme al glucosio, avendo cura di non farle prendere il bollore. Se si desidera colorare la pasta, farlo adesso, sciogliendo il colore nel liquido, poco alla volta, fino ad ottenere la tonalità desiderata. 
Setacciare lo zucchero a velo e versarlo nella ciotola della planetaria. Unire il liquido ottenuto e mescolare col gancio impastatore fino a che il composto non forma una palla. 
Se l'impasto dovesse risultare troppo duro, aggiungere acqua a cucchiaini, poca alla volta, fino a raggiungere la densità desiderata.
Stendere sul piano di lavoro spolverato con amido di mais.
Ritornare bambini, e liberare la fantasia.


9 commenti:

moi ha detto...

:)

Mary ha detto...

meravigliosa.....

Alessandra ha detto...

Grazie grazie grazie!

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

Un vero capolavoro! Mi hai fatto venir voglia di rimettere le mani in pasta :-)

LAURA ha detto...

Complimenti è veramente bella!!!
Tua figlia sarà stata felicissima!!!!

Angelica ha detto...

Ciao!
mi chiamo Angelica...
sono capitata nel tuo blog e mi sono aggiunta tra i tuoi sostenitori!
Mi piacerebbe leggere altre ricette e chissà commentarci a vicenda..se ti va fai un salto da me!
http://www.quintopeccatocapitale.blogspot.com/
Baci

PS: hai un'email alla quale scrivere?

Alessandra ha detto...

@twostella... davvero ti ho fatto voglia di rimettere le mani in pasta? Evviva! Che bella notizia!

Alessandra ha detto...

@laura... grazie mille! Effettivamente quel giorno mi sembrava piuttosto felice...

Alessandra ha detto...

@Angelica... grazie di esserti iscritta. Mi faccio senz'altro un giro da te e ti dico che ne penso!
La mia e-mail è: alessandra.dammone@libero.it